venerdì 16 febbraio 2018

hanno gia' vinto loro...

Chi vincera' le prossime elezioni nazionali?...Loro
I  2 - 3 - 4 o 600mila clandestini o migranti o rifugiati presenti in Italia (come hanno fatto a contarli? e l'incartapecorito pregiudicato di Arcore per arrivare a 600.000 li ha contati uno ad uno?)
Comunque di riflesso hanno vinto loro: loro che lavano i piatti (in nero) nei ristoranti, che fanno le pulizie, che si prostituiscono , (a proposito sono decine e decine le prostitute uccise da psicopatici clienti italiani ma non fanno notizia nazionale anche perche' non votano e non portano voti) che spacciano droga, che raccolgono frutta e verdura per pochi euro cosicche' noi possiamo pagarla un euro/kg nei supermercati.
Loro che raccolgono e riciclano cio' che noi buttiamo (e in questo fanno bene all'ambiente).
Loro, che curano anziani. Loro che fanno i lavori che noi italiani non vogliamo piu' fare.
E con la loro presenza e con gli episodi violenti che fanno clamore e ascolti e soldi per tutti i media, ci hanno fatto paura. E quindi andremo a votare per chi li vorrebbe buttar fuori.
600.000!!!  Rimpatriandone anche  1.000 al giorno ci vorrebbero due anni, mica possiamo fare come i nazisti con i treni per i campi di concentramento! Ma, sono solo 4 i paesi con i quali si e' giunti ad un accordo per i rimpatri e quindi la promessa si fa sempre piu' fumosa.
Ci fanno paura perche' sono ammassati in pochi posti. Se ogni sindaco ottemperasse alla normativa di 8 rifugiati ogni 1.000 abitanti, non ce ne accorgeremmo neanche, anzi avanzerebbero tanti di quei posti. Ma tanti sindaci per non perdere il cadreghino si sono opposti.
Perche' monta la paura: la solitudine di tanti (specialmente anziani) e la rarefazione di rapporti sociali veri ci incolla davanti al televisore che ci propina una realta' confezionata e distante dal bello e dal brutto che comunque e ' la realta'. Ma delinquenti e assassini ci sono sempre stati, solo che adesso possiamo sapere se qualcuno e' morto ammazzato al polo nord o ai caraibi.

mercoledì 7 febbraio 2018

per chi volesse saperne di piu'...

Per chi non vuol farsi abbindolare dai proclami, promesse e fuochi d'artificio, sulla TV Sky, alle 20.50 ogni sera e in replica nel TG delle 7.30 del mattino c'e' una interessante trasmissione che va a fare le pulci alle promesse e alle menzogne dei piu' incartapecoriti politici che la storia italiana ricordi. Non dovendo sottostare agli "equilibrismi politici" a cui i giornalisti del servizio pubblico RAI devono sottostare, i giornalisti di Sky possono dire le cose come stanno o come sono state e sbugiardare gli esperti in menzogne. Per non parlare delle truppe cammellate che si annidano tra i giornalisti dei canali Mediaset.
La trasmissione, breve ma concisa, ha l'altisonante nome di "Check-room" (che in italiano si potrebbe tradurre in -spazio di verifica-? o -camera di controllo -?

venerdì 26 gennaio 2018

quanto ci costerebbe "abboccare"...

Autorevoli quotidiani nazionali hanno fatto i conti dei costi di alcune "promesse elettorali":
1) la riforma delle pensioni del centrodestra?= in 5 anni 80 miliardi
2) la "flat tax" (ovvero l'imposta unica per tutti dove i poveri pagano lo stesso e i ricchi pagano meno) dai 30 ai 40 miliardi
3) la cancellazione dell'IRAP? circa 23 miliardi (sempre proposta dal centrodestra)
4) pensioni a 1.000 euro per tutti? 7 miliardi
5) cancellazione bollo prima auto per tutti (Fiat Panda o Ferrari e' lo stesso)? 3 miliardi
6) abolizione del canone Rai? 1, 8 miliardi
7) universita' gratis per tutti (senza distinzioni di reddito)? 1,9 miliardi
E non e' finita,..se ne sentiranno ancora delle belle o balle...

giovedì 18 gennaio 2018

fiero di essere di razza bianca...

Perche? Perche' siamo migliori di altri e abbiamo colonizzato il mondo. Semplice!
Ricordate il nord america dopo la scoperta di Colombo? I nativi, o pellerossa, vivevano nelle capanne e noi avevamo gia le basiliche, volevamo portargli la civilta', si sono ribellati e dopo una doverosa pulizia li abbiamo confinati nelle riserve, cosi' potranno tramandare quello che e' successo ai loro antenati. E l'America di adesso e' la migliore.
I  Maya e gli Incas? Memori degli errori fatti li abbiamo sterminati tutti.
In Africa abbiamo agito diversamente: collanine e specchietti non li gradivano, abbiamo offerto loro viaggio, vitto e alloggio gratis per un posto di lavoro in America, ma anche li' non erano contenti.
Alla fine abbiamo messo dei capipopolo scelti da noi che ci hanno ringraziato con materiali preziosi, oro, legno diamanti, petrolio ecc ecc.Ancora adesso non smettono di ringraziarci  (i capipopolo)e ci mandano quasi gratis ogni ben di dio.
E il continente indiano? Anche li' ce l'abbiamo messa tutta, ma non hanno voluto saperne del progresso, erano in tanti, troppi, ma non reagivano e non potevamo mica continuare a sparare.
Alla fine ci siamo stancati e siamo venuti via.
Degli approfonditi studi di scienziati affermano che il primo essere umano che poi  ha colonizzato il mondo proveniva dal corno d'Africa (supergiu' la Somalia  e l'Etiopia di adesso) e che i miei lontani parenti sono li'; ci sono andato ma mica c'erano, non li ho trovati,  Ie tuc negher!

lunedì 15 gennaio 2018

Proviamo a mostrarci migliori di loro...

Per le prossime elezioni nazionali e regionali, l'astensionismo, come forme di rabbia e di protesta non ha nessuna incidenza: sono anni che le percentuali di astensioni crescono vertiginosamente, i partiti ci hanno fatto il callo, e 945 sono quelli che devono essere eletti e sia che voteremo in 1 milione o in 10 milioni, sempre 945 saranno gli eletti. Perche' allora non votare?
Gia', ma per chi?
Per chi dira' meno bugie, per chi insultera' meno gli avversari, per chi fara' le promesse piu' realistiche. (N.B. Se consideriamo questi criteri imprescindibili e'realistico pensare che assomigliamo piu' a una repubblica africana invece che al nord europa)
Infatti si e' gia' aperto il mercato delle vacche: in Italia ci sono tot milioni di amanti degli animali? e allora ecco la fantasiosa promessa del veterinaio gratis! Ci sono italiani che sono poveri davvero e che rimandano esami e cure per il costo, ma per qualche voto in piu' ci si dimentica degli esseri umani.
Ci sono un sacco di giovani disoccupati? E allora promettiamo l'universita' gratis per un po' di voti parcheggiamoli all'universita'. Ma le facolta' diverranno superaffollate e ingestibili a discapito della qualita' dell'insegnamento.
Insomma,proviamo ad aguzzare l'intuito, informiamoci, TV e Internet non mancano, proviamo a non farci prendere per il naso e a mostrarci migliori di loro.

mercoledì 10 gennaio 2018

Ci ha lasciato...

Ci ha lasciato Anna Varalli vedova di Vittorino Mazzetta. Ai piu' giovani persona sconosciuta,  per i piu' attempati ha gestito assieme al marito Vittorino la panetteria nel centro storico di Lavena sin dagli anni '50.
Per un tempo lunghissimo, 45 anni!
"Ul prestinee" era una figura portante dell'economia del paese di Lavena negli anni dello sviluppo come sono stati gli anni '50 e seguenti; per 360 giorni all'anno (esclusi Natale, Capodanno, Pasqua e ferragosto) forniva  il pane per i numerosi frontalieri alla mattina presto. O, in caso di un buon voto a scuola,le mamme davano in premio le "veneziane" (gli odierni buondi').
Erano i tempi che in luogo del contante odierno o la carta di credito, si usava il "libretto": veniva segnata la spesa quotidiana e a fine mese o a scadenze concordate si pagava il totale.
Buon riposo signora Anna.

venerdì 5 gennaio 2018

sacchetti "elettorali"...

Ricerche scientifiche hanno appurato che nei pesci che mangiamo ci sono piccole particelle di plastica; materiale che , ovviamente, viene scaricato nei fiumi e nei mari da noi che lo usiamo.
Con la norma che nel 2012 introdusse il divieto di commerciare e utilizzare sacchetti di plastica, il loro consumo e' diminuito del 55 %.
E siamo a oggi con la norma che obbliga all'uso di sacchetti biodegradabili per l'acquisto di frutta  e verdura. Apriti cielo! Tuoni e fulmini! Scandalo!
Il prezzo di 1 o 2 cent ha aperto le ostilita' di chi non pensa che e' una misura che giova a noi e all'ambiente ed il cui  costo non e' impossibile. Per una famiglia e una spesa media potebbe essere di 50-60 euro l'anno.
E gia' che ci siamo ecco l'ennesima occasione per confezionare una balla elettorale accusando il governo di aver emanato la norma per favorire l'azienda produttrice di un'amica di Renzi.
In Italia sono oltre 150 le aziende che producono questo tipo di sacchetti.
E, visti i tempi, prepariamoci ad altri "pacchi e sacchetti elettorali".